Il nuovo filato impiegato per la produzione di Ti-energy ottiene un’eccezionale conferma.

Studiato e messo a punto dalla Sezione Ricerca e Sviluppo di Erreà Sport, Ti-energy è dotato di proprietà antivirale ora scientificamente quantificata in laboratorio.

Gli studi condotti hanno, infatti, dimostrato che il tessuto Ti-Energy se messo in contatto in laboratorio con coronavirus HCov-OC43 è in grado determinare una riduzione massiva della carica virale, pari ad una riduzione di valore log 4,5 dopo 1 ora di contatto. Questo significa che il tessuto Ti-Energy ha dimostrato una capacità di ridurre la contaminazione virale da Coronavirus HCoV-OC43 superiore al 99.9% rispetto alla contaminazione iniziale in test di laboratorio.

Si tratta di un successo straordinario raggiunto in ambito tessile ottenuto grazie all’impiego di due distinte tecnologie: la presenza di nanoparticelle di ossido di zinco incapsulate permanente nelle fibre di tessuto per ottenere efficacia antivirale e antibatterica e il trattamento Minusnine J1+ per conferire estrema impermeabilità ai liquidi. Questa duplice funzionalizzazione consente al tessuto di diventare un’efficace barriera protettiva contro droplet, liquidi e microrganismi (batteri, funghi, virus).

Il Parma Calcio 1913 sarà il primo club nel campionato italiano di serie A a scendere in campo vestendo questo filato altamente tecnico e senza pari in grado di aiutare a proteggere i propri giocatori.

Certificato Oeko-Tex Standard 100, Ti-energy sarà disponibile anche per tutte le società sportive, di ogni disciplina e livello, che vorranno utilizzarlo per offrire una maggiore e significativa sicurezza ai propri atleti.

Un traguardo unico, di grande rilevanza, che conferma la volontà di Erreà di sperimentare e migliorare costantemente mettendo sempre al primo posto, come obiettivo fondamentale, l’attenzione e la tutela di tutti gli sportivi.